I profumi del vino: la fragola

Tra i profumi del vino più piacevoli e riconoscibili vi sono senz’altro i piccoli frutti rossi. Dopo averti parlato del profumo di lampone tocca al profumo di fragola.

Naturalmente sono costretto a semplificare: un conto è il fresco e goloso aroma del frutto fresco, tutt’altra cosa le fragole in confettura, ottenuta dai frutti più maturi e che sviluppano delle leggere note di caramello dovute alla cottura dello zucchero. Una cosa la fragola che vedi in foto, altra cosa le fragoline di bosco.  Eviterei inoltre di addentrarmi nelle diverse varietà del frutto…

I profumi del vino: la fragola
I profumi del vino: la fragola

Il profumo di fragola è considerato un aroma secondario e si forma, generalmente, dopo la fermentazione malolattica. E’ un aroma apprezzato dal degustatore che lo percepisce goloso ed elegante insieme; inoltre è facilmente riconoscibile.

In che vini puoi trovare l’aroma di fragola?

L’aroma di fragola si riscontra principalmente nei vini rossi o rosati provenienti da varie zone e vitigni: Bordeaux, Borgogna, molte vini italiani e anche del Nuovo Mondo.

Azzardo una mappa dei vitigni in cui si trova con più frequenza questo aroma. In Francia sicuramente non possiamo non citare il gamay, il merlot ed il pinot nero (quando questi vini non sono più giovanissimi possiamo trovare anche la confettura di fragola). Un vino in particolare che ricordo “marchiato” da una fragola netta è lo Château Rayas (grenache) oltre che i vini rosé della Provenza.

In Italia ci si può imbattere in questo sentore nei vini da uve nebbiolo (la fragola dei vini di Giacosa!), grignolino, bonarda, sangiovese, nero d’Avola…

E tu? Raccontami di qualche vino in cui ricordi di aver sentito una succosa fragola fresca!

Bourgogne v.v. Voillot: quando semplicità e qualità vanno a braccetto

Ma chi l’ha detto che un vino di qualità deve essere per forza stratificato, complesso e potente? Ci sono vini che decidono di puntare sulla ricchezza dei dettagli, sulla dinamica e l’energia in bocca, sull’articolazione del sorso…ed altri che invece fanno della golosa immediatezza la loro arma vincente. In quest’ultima categoria gioca il vino di cui ti parlo oggi.

Bourgogne Pinot Noir v.v. 2015 - Joseph Voillot
Bourgogne Pinot Noir v.v. 2015 – Joseph Voillot

Bourgogne Pinot Noir v.v. 2015 – Joseph Voillot

Ci troviamo a Volnay e questa etichetta è uno dei vini di ingresso della gamma del Domaine Joseph Voillot. Ma la sua semplicità ed immediatezza non inganni, il vino è tutt’altro che banale.

Il colore un rubino chiaro, luminoso e trasparente.
L’impronta del pinot noir è evidente al naso: fruttini rossi (lamponi, fragoline), viola, un tocco di mineralità scura, spezie orientali appena accennate.
Sorso golosissimo: l’acidità la fa da padrone in ingresso, non c’è grande volume ma molto “succo”. La bevibilità è ai massimi livelli ed un tannino appena croccante dà spessore. La chiusura è pulita e sapida con ritorni di fruttino rosso acidulo e sale.

87

Ring Adora: il Lambrusco di Sorbara senza complessi di inferiorità!

Che bello quando un vitigno autoctono italiano gioca le sue carte senza complessi di inferiorità con altri vitigni più celebrati! E’ il caso del Lambrusco di Sorbara Metodo Classico Brut Nature di Podere il Saliceto.

Ci troviamo a Campogallino (MO), vicino alla riserva naturale del fiume Secchia. Podere il Saliceto coltiva 4,5 ha e produce circa 25.000 bottiglie di Lambrusco (Sorbara e Salamino), Trebbiano Modenese, Sauvignon e Malbo Gentile.

Lambrusco di Sorbara Dop Spumante Rosè Brut Nature Metodo Classico “Ring Adora” 2014 – Podere il Saliceto

Poche centinaia le bottiglie prodotte per questo vino particolare: si tratta di un metodo champenoise, pardon classico, da uve di Lambrusco di Sorbara. L’annata del vino è la 2014 e la sboccatura risale a novembre 2016.

Colore rosa tenue vivo e luminoso, naso giocato sulle fragoline di bosco ed i lamponi, un bel floreale di rosa, la mineralità chiara. La bocca è tesa, asciutta, verticale. Il perlage è fitto e fine, ben integrato nella materia del vino. La bocca è sottile, solo 12% il titolo alcolometrico, ed il sorso è preso in ostaggio da un’acidità senza compromessi che … fa salivare la lingua … il cavo orale resta però terso grazie ad una sapidità furiosa.

Il vino è decisamente piacevole e, soprattutto, ha un gran carattere. Non ha paura di apparire severo, affilato, spigoloso. Vino ancora giovane, darà il meglio di sé tra qualche anno.

87

Chignin Bergeron: l’interpretazione di Adrien Berlioz della roussanne

Se sei uno dei miei fedeli 25 lettori sai che frequento con regolarità i vini della Savoia. Se invece sei un lettore recente o smemorato…allora clicca qui.

Chignin Bergeron
Chignin Bergeron “Binette” 2014 – Domaine Cellier des Cray

Chignin Bergeron “Binette” 2014 – Domaine Cellier des Cray (Adrien Berlioz)
Giallo oro con riflessi ambra, naso “bucolico” (fieno, fiori di campo essiccati), scorza di arancia, mango disidratato.
Nonostante la bocca sia delicata e leggera (titolo alcolometrico contenuto al 12%) l’ingresso è di buon volume, con acidità ben presente ma mai prevaricante. E’ soprattutto la sapidità ad accompagnare il sorso che chiude di media lunghezza su ritorni di erbe amare.

84

Plus: Chignin Bergeron è la denominazione dedicata al vitigno roussanne. Spesso il rischio con questi vini – a maggior ragione se hanno fatto la malolattica, come in questo caso – è un eccesso di mollezza/grassezza. Fortunatamente il vino di Adrien Berlioz non si presenza così ed è invece vivace e sapido.

Minus: vino che manca di grip e “cattiveria”, non lascia il segno anche se non ha nulla di fuori posto.

Due vini bianchi di mare…da amare!

Oggi ti parlo di due vini che ho assaggiato da poco in una enoteca ben fornita. Avevo voglia di vini bianchi fermi e di personalità, così la mia scelta è ricaduta, non del tutto consapevolmente, su due vini con alcuni importanti punti in comune:

  • provenienti da zone in cui l’influenza del mare è fondamentale;
  • ottenuti da uve autoctone delle rispettive zone;
  • vinificati attraverso macerazione in rosso (e malolattica svolta).

Ebbene, sono capitato molto molto bene, entrambi i bicchieri mi sono piaciuti moltissimo e, a causa del determinante influsso dell’alcol, mi sono ritrovato a canticchiare Mare, Mare di Luca Carboni. 🙂

Vitovska 2014 – Marko Fon

Marko Fon è un produttore del Carso sloveno che vinifica con passione e rispetto per il territorio. La sua vitovska 2014 si presenta in veste oro di grande luminosità. Naso floreale (magnolia), fieno, nespola, un tocco appena vegetale (tra il muschio e le alghe), roccia. La bocca è severa: secca, verticale, molto profonda e saporitissima. Grande lunghezza in chiusura su ritorni salmastri.

Ti ho già parlato della vitovska, un vitigno che frequento con regolarità e che trova in Marko Fon un’interpretazione decisamente brillante.

Terre Siciliane Grillo “Integer” 2015 – Marco De Bartoli

Marco De Bartoli non ha bisogno di presentazioni, legato com’è alla storia e alla riscoperta del Marsala. Ma tutta la gamma dell’azienda è a livelli eccelsi. Il grillo Integer è un grande vino bianco italiano! Oro antico il colore e naso a coda di pavone: canniccio, mare, battigia, mela renetta, composta di pera, agrumi, iodio, caffè verde… La bocca è molto saporita, larga e profonda insieme, tannini ben presenti per la tipologia e sale furioso.

Vino che ti rapisce e che ti parla di mare.

E’ stato entusiasmante assaggiare due vini così diversi ma accomunati dall’influsso che il mare esercita su di essi, anche a 1300 km di distanza.

Kim Bar, il Bistrot cinese di Milano di cui sentivo la mancanza!

Qualche tempo fa, passeggiando per via Correggio a Milano a fine pomeriggio, vidi uno dei tanti locali asiatici della città.

Kim Bar ingresso
Kim Bar ingresso

L’insegna recitava: Kim Bar – Cucina Hong Kong – Bistrot Chinese.

Il locale dall’esterno era abbastanza anonimo (come da foto) simile a tanti altri ristoranti cinesi. Ma quello che mi fece rallentare il passo fu la vista, attraverso una porta finestra socchiusa, di due signore intente a preparare, con tanto di grembiule e mattarello, dei bellissimi ravioli.

Da allora, credo sia passato quasi un anno,  mi ripromettevo di andarci e finalmente ce l’ho fatta.

Purtroppo non avevo molto tempo né molta fame e non ho assaggiato con la dovuta attenzione ed estensione la cucina del bistrot. Ma quello che ha assaggiato mi ha colpito molto favorevolmente!

La sensazione è di trovarsi in una vera e propria trattoria familiare cinese: materia prima curata, verdure croccanti e saporite, uso limitato del sale (o degli esaltatori di sapidità!), abbondante proposta di pesce e piatti fuori menu.

Al mio arrivo le signore della cucina erano intente a preparare degli splendidi ravioli al branzino (nel menu disponibili anche quelli alle capesante, ai gamberi, alle verdure…).

Molto buoni, oltre che belli, i ravioli: il pesce era molto fresco e saporito, accompagnato ma non surclassato dagli altri ingredienti: qualche pisello, pepe, zenzero e chissà cos’altro…

Semplici e gustosi anche gli altri piatti provati (spaghetti di soia con verdure, spaghetti di soia con maiale e verdure, pollo al curry, pollo con verdure…).

Mi riprometto di tornarci con più calma per assaggiare i piatti a base di pesce (ho visto servire un branzino con gli asparagi notevole!) o di carne.

Se leggendo questo post andrai a provarlo scrivi un commento, oltre che vini condividiamo anche le opinioni sui ristornati!

Kim Bar
Via Correggio, 16
20149 Milano
Telefono: 339 293 6017

Sancerre Les Monts Damnès: non chiamatelo sauvignon

Qualche tempo fa avevo assaggiato un Sancerre di Pascal Cotat che non mi era proprio piaciuto e, come mia abitudine, non mi ero certo autocensurato…te ne avevo parlato piuttosto dettagliatamente. Con piacere dunque oggi ti racconto di un altro Sancerre di Pascal Cotat che mi ha fatto fare pace con il produttore!

Sancerre "Les Monts Damnès" 2012 - Pascal Cotat
Sancerre “Les Monts Damnès” 2012 – Pascal Cotat

Sancerre “Les Monts Damnès” 2012 – Pascal Cotat

Il colore è giallo paglierino con riflessi verdolini di una bellissima luminosità.

Ti invita ad annusarlo per carpirne i profumi: cedro, pompelmo, clorofilla e felce…poi una mineralità chiara netta ma fine, un tocco di canfora.

La bocca è coerente, l’acidità sollecita la lingua e riempie il cavo orale con carattere ma equilibrio. La materia del vino supporta l’acidità grazie ad un sorso stratificato e saporito: l’agrume giallo è netto e richiama quanto pregustato al naso. La sapidità in chiusura tende persino al piccante.

Vino di ottima lunghezza e personalità che però si snoda con eleganza e rigore.

91

Plus: stupefacente cosa è riuscito ad ottenere Cotat in quest’annata piuttosto calda. Grande vino da assaggiare e riassaggiare per capire la differenza tra un qualsiasi sauvignon blanc ed un Sancerre! 🙂